Mirella Porta
 
 

La mia primavera

E l scioppada a on tratt, la primavera!
Inutil sta a descriv i s color,
lhann faa da semper poetta e pittor:
incoeu, al mercaa, hoo sentii che la ghera.

El s el rivava intramezz i tendon,
de sora i bancarej pien de legria,
se sbuttonavom, ma con cortesia,
in don via-vai pien de confusion.

E tucc i facc me pareven content:
eren sorris o immaginazion?
Grand el diventa el coeur, per lemozion
de noeuva primavera, finalment!

E voeuja de cant damor canzon,
per i m gent, i m gatt, i m amis,
in sta giornada che la me d sfris
de contentezza e de commozion.

Rivada a c, hoo interraa i m piantin
in del m ort, sul poggioeu, in cusinna:
seller, basilich, salvia, rosmarin,
perch l primavera, stamattina!

Analizzand penser e sensazion,
qual era la mia gioia, hoo infin capii.
Seri felice, a on tratt, dent in de m,
per la gran gioia de sav gio.
                                           

                                        Marzo 1997
 

 

Poesia Milanese

 Home | Labor. Odontotecnico | Varie |"Il Calderone"| Per contattarci | Chi siamo |Mappa sito|