Mirella Porta
 
  Nott de marz

Senza piet per t, vann tropp adasi
i or de questa nott,
de questa nott de marz senza stravent
de noeuva primavera.

In sul sciffon, dent el portascener,
i mocc di sigarett,
dent in del coeur, la voeuja de sbatt via
la vitta tribulada,

sta voeuja la te inziga in del silenzi
cattiv e tropp pesant
in sto negher de la nott senza lunna,
dent in la stanza voeuja.

La sigaretta, me ona lusiroeula,
in la mia man tremorenta,
in questa nott senza stell,
senza canzon damor!

Poeu, cont alegher frecass de ferr rott,
cantando el passa el primm tramm del d,
su i gelosii el balla
el primm ciaror don alter d de marz...

Finida l la nott senza stravent
de noeuva primavera,
l bel vess viv al primm ciaror del d,
del d pien de speranza.

Poesia Milanese

 Home | Labor. Odontotecnico | Varie |"Il Calderone"| Per contattarci | Chi siamo |Mappa sito|