Mirella Porta
 
  Pap

Te porti mai on fior al cimiteri,
ciappada da i m robb de tutt i d
e da sta vitta, gran triboleri,
che la me lassa nanca pens a t.

Me par, a volt, de vess senza memoria,
de regordamm nagott del temp passaa
insema, in ona troppa curta storia
che voraria invece regord.

S, ogni tant, na quaj fotografia
la me regorda doe serom destaa,
insema con la mamma e con la zia,
a cammin content in mezz ai pra

oppur me ven in ment on quaj Natal
e, come ona lusnada in tutt sto negher,
el m pap, davvera eccezional,
stracch me on villan, ma per nun alegher.

Ma on gran magon m scioppaa foeura incoeu,
perch hoo sentii Torna piccina mia,
torna dal tuo pap...
che trasmetteven in television

Incoeu tutti i regord hinn ritornaa,
insema a m hinn staa per tutt el d:
de piscininna, in scossa al m pap,
chel me cantava sta canzon per m.

E allora, incoeu, pap, col m magon,
l staa davvera me portat on fior;
ripetevi i paroll de la canzon,
intanta el coeur el piangeva damor


 

Poesia Milanese

 Home | Labor. Odontotecnico | Varie |"Il Calderone"| Per contattarci | Chi siamo |Mappa sito|